giovedì 18 dicembre 2008

Operazione Perseo


Medusa fu un terribile mostro, che affrontava uomini e fiere.
Quando appariva, gli uomini che si imbattevano per caso non aprivano gli occhi, erano mutati in sassi. Né poteva essere uccisa, perchè, quando erano recise le sue membra o la sua testa, quelle rinascevano così che il mostro sopravviveva ad ogni colpo. Perseo tuttavia potè sconfiggerla perché gli fu vicino Minerva, dea della sapienza, che presiede tutte le opere di ingegno. Ciò giovò molto a Perseo perché prese dalla dea un lucidissimo specchio nel quale poteva vedere l'immagine di Medusa e non guardare il suo aspetto stesso. Quando dunque gli fu vicino il mostro, lui stesso volse gli occhi allo speccio, guardò indietro e con un colpo di spada troncò l'orribile testa. A questa uccisione fu presente la stessa Minerva, che resse la mano di Perseo. Il capo della Gorgone rimase appeso alla mano del vincitore.