giovedì 19 giugno 2008

Niente più dialogo tra l'emisfero destro e l'emisfero sinistro


(nb) A Roma niente dialogo tra maggioranza e opposizione. Walter Veltroni, segretario del Pd, che si e' recato al Quirinale per riferire alla piu' alta carica dello Stato che l'interruzione del dialogo e' dovuta alle ultime iniziative del premier Silvio Berlusconi, a partire dall'emendamento sul decreto sicurezza che ha fissato un limite temporale all'effettuazione dei processi, stabilendo anche i reati per i quali e' possibile accelerare l'iter giudiziario. Veltroni ha chiesto alla maggioranza di tornare sui suoi passi in materia di giustizia e di prassi parlamentare. Intanto nell'Aula del Senato è stato votato l'emendamento che sospende i processi per reati commessi fino al giugno 2002. L'esito e' stato di 160 si' e di appena 11 no. Anna Finocchiaro, capogruppo del Pd, nel corso del suo intervento, aveva chiesto ai suoi colleghi parlamentari di non partecipare al voto (la stessa scelta e' stata adottata dai senatori dell'Italia dei valori di Anotnio Di Pietro, mentre Emma Bonino e i radicali eletti nelle liste del Pd hanno preferito restare in Aula).