sabato 5 dicembre 2009

Lasciare una traccia, presentazione del libro al Kursaal Kalhesa di Palermo


di Piazza Marineo
BOLOGNETTA. Sarà presentato mercoledì 9 dicembre alle ore 18, nei locali del Kursaal Kalhesa di Palermo (Foro Umberto I n. 21) il volume “Lasciare una traccia. Scritti su La spartenza e un’intervista a Tommaso Bordonaro” curato da Nicola Grato e Santo Lombino per la collana “Fili di memoria” di Adarte Editori Palermo.
Il volume contiene saggi, recensioni ed articoli di A. Arcuri, M. Benfante, F. Certa, F. Ciafaloni, R. Cotroneo B. Del Colle, M. Croce, G. Fofi, A. Franceschetti, E. Franzina, N. Grato, S. Lombino, F. Lo Piparo e F. Piccini. Parleranno del libro Tano Gullo, giornalista, e Giovanni Ruffino, docente universitario. Sono previsti interventi di Eusebio Dalì per la casa editrice e di Gaspare Greco sindaco di Bolognetta. L’attore Franco Scaldati leggerà brani de “La spartenza” di T. Bordonaro, mentre sarà proiettata una videointervista di Gaetano Savatteri ad Andrea Camilleri. “Lasciare una traccia” segue la fortuna della memoria autobiografica intitolata “La spartenza” in cui Tommaso Bordonaro, contadino semi-analfabeta di cui ricorre quest’anno il centenario della nascita, racconta con grande capacità espressiva la sua giovinezza e l’esperienza della traversata transoceanica che lo portò nel 1947 in New Jersey, dove è vissuto per cinquant’anni. Del suo linguaggio si sono occupati scrittori come Natalia Giunzburg e studiosi come Pier Vincenzo Mengaldo e Gianfranco Folena,che si batté perché i “rigordi” di Bordonaro fossero pubblicati da Giulio Einaudi Editori nel 1991.