martedì 25 maggio 2010

Marineo, 25 maggio 1860. Garibaldi raggiunge il monte Calvario


di Piazza Marineo
MARINEO. Verso le 9,30 del 25 maggio 1860 Garibaldi, proveniente dal bosco della Ficuzza, raggiunse Marineo e si portò sul monte Calvario in ricognizione.
Mentre si trovava con i suoi uomini in paese, gli arrivò un messaggio scritto il giorno precendente dal generale Giuseppe La Masa, che lo invitava a raggiungerlo sul campo di Gibilrossa, «eccellente posizione, naturale base di operazione sopra Palermo». Garibaldi rispose con un biglietto scritto a matita: «Domani spero di essere a Misilmeri». I Mille si rimisero in marcia all’imbrunire.