martedì 17 luglio 2012

Precipita da un muro alto 10 metri: ieri i funerali a Marineo


di Piazza Marineo
MARINEO. Ieri pomeriggio si sono svolti i funerali di Francesco Francaviglia, 63 anni, dipendente del Comune di Marineo morto a causa di una caduta accidentale mentre lavorava, nel fine settimana, nel fondo agricolo di sua proprietà, in contrada Mulino di mezzo.
L'operaio caposquadra, alle dipendenze del comune dal 1985, è precipitato da un muro alto circa dieci metri. Domenica mattina i familiari hanno ritrovato il corpo privo di vita, dopo che ripetutamente lo avevano cercato al telefono. Francaviglia negli ultimi anni si era distinto particolarmente per il suo senso del dovere e la sua dedizione al lavoro. Infatti, nel 2010 gli era stata assegnata la targa di “Impiegato dell’anno”. Molto partecipata la celebrazione dei funerali in chiesa Madre, concelebrata dallo zio sacerdote, padre Francesco Francaviglia, assieme a don Leo Pasqua e a padre Giuseppe Messineo. Il sindaco di Marineo, Franco Ribaudo, nel porgere l’ultimo saluto ha voluto sottolineare «l’impegno profuso da Francaviglia in favore della collettività, nonostante la sua “invalidità civile”. Occupandosi di manutenzioni, l’impiegato negli ultimi anni era divenuto punto di riferimento per tutta la comunità: a lui si rivolgevano i cittadini per risolvere i piccoli problemi riguardanti la pulizia, il decoro urbano e la manutenzione del verde pubblico». «La sua carità – ha detto durante l'omelia padre Francaviglia – è riconosciuta da tutti». Il Sindaco e la Giunta hanno espresso la loro vicinanza ai familiari, sottolineando che la comunità ha perso un grande lavoratore.