giovedì 8 luglio 2010

In Europa: Marineo fa la differenza nella cultura del cambiamento


di Franco Ribaudo *
Cari concittadini, sono passati solo dieci mesi da quando, tutti assieme, abbiamo intrapreso il cammino della raccolta differenziata dei rifiuti “porta a porta”.
La scelta è stata coraggiosa e ha comportato un serio impegno. I risultati fin qui raggiunti sono straordinari: la quota di rifiuto differenziato ha raggiunto il 53%, un valore importante e distintivo se confrontato con la media nazionale (24%) e con quella della Sicilia (5,4%). Abbiamo compiuto una scelta di civiltà, di rispetto dell’ambiente e della natura per la salvaguardia dei nostri figli. “Io mi differenzio” è il messaggio con il quale vogliamo trasmettere e diffondere l’orgoglio di “avere rotto” con le scelte del passato, di “esserci differenziati” dagli altri comuni siciliani ancora oggi sommersi dalla spazzatura e costretti a fronteggiare giorno per giorno l’emergenza rifiuti, pagando il conto salato di scelte sbagliate. La raccolta “porta a porta” è già una scommessa vinta sia dal punto di vista ambientale, in quanto viviamo in un paese pulito, sia dal punto di vista economico, con la tarsu ridotta del 16% e con i costi di conferimento in discarica ridotti del 33%. Il percorso intrapreso, unitamente all’attività didattica nelle scuole, punta allo sviluppo sostenibile della nostra Marineo. Vi inviteremo ancora ad essere protagonisti di scelte future che punteranno al “Green Governance” per ridurre le emissioni di CO2, aumentando l’utilizzo di energia da fonti rinnovabili e il risparmio energetico. Continueremo a “differenziarci” perché vogliamo una Marineo che abbia la politica “Green Life” quale modello e stile di sviluppo locale per essere in Europa.
* Sindaco di Marineo