venerdì 18 marzo 2011

Il discorso del Sindaco di Marineo in occasione della festa del 17 marzo


di Franco Ribaudo
MARINEO. Inizio ringraziando i dirigenti scolastici, gli insegnanti, i genitori e gli alunni delle scuole elementari, medie e superiori, gli scout, le associazioni, le autorità militari, la banda musicale e tutti i cittadini presenti oggi in questa piazza.
I giovani eroi del Risorgimento sono eroi romantici: Pellico, Mazzini, Cavour e altri ancora erano giovani. Molti di loro sono morti giovani. I Romantici credono, lottano e a volte muoiono per difendere i propri ideali. Il primo di questi valori è la libertà. Libertà è sinonimo di liberazione dall'oppressione dello straniero, è simbolo dell'unione, ed è espressione del desiderio individuale di riscatto. Se un Risorgimento è stato possibile e un'unità è stata raggiunta, lo si deve anzitutto alla libertà. Ed è in nome della libertà, di valori alti , che tanti altri giovani affrontarono la resistenza, liberando il nostro paese dal nazi-fascismo, e portarono nel dopoguerra a stipulare un patto nuovo fra tutti i suoi figli, la Costituzione repubblicana. In quel patto è confluita tutta la nostra storia, con le sue lotte per la democrazia, per la giustizia, per l'unità della Patria. A testimonianza ed eredità del passato, a guida dello slancio verso il futuro. (continua)