lunedì 4 luglio 2011

Marineo: in mezzo alla gente, assistendo al musical “Il Risorto”


di Franco Vitali
MARINEO. Scendevo verso il Crocifisso domenica sera e già mi colpiva il gran numero di persone che si affrettava a raggiungere una delle mille sedie disposte davanti al palco dove da lì a poco più di cinquanta giovani della Parrocchia di Marineo avrebbero messo in scena un musical su Gesù Cristo.
Chiesi a don Ciro, un anziano del paese: “Ma lei lu sapi nzoccu hann’a ffari stasira?” E lui di risposta: “Mma, dicinu na cosa cantata, na Scesa di La Cruci cantata…”. In effetti un musical era una forma di spettacolo nuova per Marineo; il fatto poi che esso fosse collocato a conclusione della festa del Corpus Domini attirava tantissima gente, come spesso capita in paese per gli spettacoli di genere religioso. A breve, mentre il crepuscolo calava nella più antica piazzetta marinese ed un fresco ristoratore dava sollievo alla calura del giorno che si avviava alla conclusione, le sedie furono tutte occupate ed i tantissimi ritardatari si disposero nei vari angoli della piazza incuranti della prospettiva di rimanere in piedi per delle ore. L’atmosfera era festosa ed eccitata: si sapeva che le prove del musical erano durate sei mesi , che i giovani si erano impegnati con entusiasmo… insomma l’attesa era spasmodica. Arrivò finalmente padre Leo a spiegare a tutti cosa “cosa avrebbero visto”: un musical dal titolo “Il Risorto”, una rappresentazione cantata e danzata della Morte e Resurrezione di Gesù Cristo messa in scena con grandissimo entusiasmo dai giovani della Parrocchia. (continua)